• La Redazione | Chi siamo | Newsletter

    Il Raccoglitore è un contenitore di storie, di racconti e di buoni interessi. La narrazione, al centro del progetto, viene sperimentata non solo nell’ambito narrativo-letterario: i collaboratori di ogni rubrica si prefiggono di raccontare un qualcosa. Se quando siete insieme ad un/a amico/a vi viene voglia di chiedere “mi racconti una storia?”, siete nel posto giusto.

#Recitationes: Antonio Nazzaro

ilRaccoglitore | #Recitationes   3 Maggio 2021   2 min.

 

ho occhi d’Africa e d’orizzonte marino
così salato da seccare la gola rompere le labbra
e ondeggio come se ballassi

 

lo sciacquio di questo mare
che sale dal fondo della barca

 

dove i corpi delle donne
da sott’acqua ci tengono la testa all’aria

 

qualcuno viene a salvarci
ma senza donne non ci sono madri
non c’è terra

 

 

Poesia tratta dal libro Cuerpos Humeantes (Corpi Fumanti), Uniediciones, Bogotà, 2019.

 

 

 

*

 

 

 

Ti vedevo passare
per i corridoi universitari
vestivi come una monaca messicana
ma avevi il sorriso del peccato
che sa d’amore.

 

E sulla lavagna scrivevo un verbo in are
amare
per spiegare tre coniugazioni ere
tenere
per tenere la tua mano al tramonto
l’altra in ire
fiorire
per fiorire sulla tua pelle morena
una mattina.

 

 

 

 

Poesia tratta dal libro Amore migrante e l’ultima sigaretta, RIL editores-Ærea, Cile, e Edizioni Arcoiris, Italia, 2018.

 

 

 

*

 

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

la strada i suoi angoli a nascondere la sorpresa che si ripete ogni mattina o sera poca importa

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il ritmo rotto di questa metropolitana lanciata nelle nostre bocche a incrociare binari che corrono dalla sala alla cucina

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il pianto della pioggia quando ha smesso di cadere e si strizza il cielo a gocciolare la sete

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il canto dei passi tacchi vertigine e punta di piedi a sostenere il tetto di questa fermata d’autobus del desiderio

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il buongiorno del serpeggiare del sole tra Ande e palazzi a entrare per la finestra a dare luce alle lenzuola avvolte al corpo

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il camminare per la strada tenersi per mano come se senza lo stringere non ci fosse nulla a dare appiglio

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il sedersi di fronte senza parole come due facciate e scoprire che ogni crepa fessura spaccatura sono sorrisi baci silenzi

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il giocare a svestirsi e di fiori coprirsi non raccolti ma del rifiorire che passa al tuo sfiorare

 

voglio semplicemente l’amore più bello del mondo

 

il passo lento di questa città del cuore abitata da te appare ogni mattina come un difetto del tempo bello o semplicemente tu
l’amore più bello del mondo

 

 

 

Poesia tratta dal libro inedito Diario amoroso senza date (Fotoromanzo poetico).

L'autore







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 8 =


 

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall’autore.

Se riscontri problemi con il sito web, contatta il webmaster.

redazione@ilraccoglitore.com

 

Ti piace scrivere?

il Raccoglitore è qui per raccogliere storie! Se vuoi inviarci la tua candidatura, scopri come fare.

Scrivi con noi

Newsletter

Seguici su

il Raccoglitore 1.0 © Copyright 2021 - domenica 25 Luglio, 2021 00:51