• La Redazione | Chi siamo | Newsletter

    Il Raccoglitore è un contenitore di storie, di racconti e di buoni interessi. La narrazione, al centro del progetto, viene sperimentata non solo nell’ambito narrativo-letterario: i collaboratori di ogni rubrica si prefiggono di raccontare un qualcosa. Se quando siete insieme ad un/a amico/a vi viene voglia di chiedere “mi racconti una storia?”, siete nel posto giusto.

#Recitationes: Rita Dove

ilRaccoglitore | #Recitationes   12 Maggio 2020   2 min.

 

 

Testimonianza

 

Indietro a quando la terra era nuova
e il paradiso soltanto un sussurro,
indietro a quando i nomi delle cose
ancora non avevano avuto il tempo di attecchire;

 

indietro a quando le più leggere brezze
scioglievano l’estate nell’autunno,
quando tutti i pioppi stormivano
dolcemente in ranghi e schieramenti…

 

il mondo chiamò, ed io risposi.
Ogni occhiata si infiammava in uno sguardo.
Presi fiato e chiamai tutto ciò vita,
in estasi tra cucchiaiate di sorbetto a limone.

 

Fui piroetta e ghirigoro,
fui filigrana e fiamma.
Come avrei potuto contare le mie benedizioni
se nemmeno conoscevo i loro nomi?

 

Indietro a quando tutto doveva ancora venire,
la fortuna trapelava da ogni luogo.
Feci la mia promessa al mondo,
e il mondo mi seguì fino a qui.

 

 

Geometria

 

Dimostro un teorema e la casa si espande:
le finestre scattano libere fino al soffitto,
il soffitto vola via con un sospiro.

 

Appena le pareti si liberano di ogni cosa
tranne della trasparenza, l’odore dei garofani
se ne va con loro. Io sono fuori all’aperto

 

e sopra di me le finestre si sono trasformate in farfalle,
un raggio di sole brilla dove si congiungono.
Sono dirette verso un punto vero e non dimostrato.

 

 

Cavallo e albero

 

Chiunque sia qualcuno vuole essere un albero—
o cavalcarne uno, i capelli spumati dal vento.
Ecco perché sono stati inventati i cavalli, e le selle
equipaggiate con stelle singolari.

 

è per questo che intrecciamo le loro ruvide criniere
come fossero dei bambini, ecco perché i bambini
all’inizio hanno paura di una giostra, per il modo in cui
si ostina a dire che la vita è tonda. No,

 

rispondiamo, c’è musica e poi si ferma;
il bello sempre sale e scende.
Li chiamiamo, e i bambini dicono in coro ancora una volta.
Nell’albero la linfa luminosa ascende.

 

 

L'autore







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + 6 =


 

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall’autore.

Se riscontri problemi con il sito web, contatta il webmaster.

redazione@ilraccoglitore.com

 

Ti piace scrivere?

il Raccoglitore è qui per raccogliere storie! Se vuoi inviarci la tua candidatura, scopri come fare.

Scrivi con noi

Newsletter

Seguici su

il Raccoglitore 1.0 © Copyright 2020 - lunedì 01 Giugno, 2020 00:21