• La Redazione | Chi siamo | Newsletter

    Il Raccoglitore è un contenitore di storie, di racconti e di buoni interessi. La narrazione, al centro del progetto, viene sperimentata non solo nell’ambito narrativo-letterario: i collaboratori di ogni rubrica si prefiggono di raccontare un qualcosa. Se quando siete insieme ad un/a amico/a vi viene voglia di chiedere “mi racconti una storia?”, siete nel posto giusto.

Cristina Stanescu, Kylie Brant, Patrizia Zappa Mulas, Victoria Shor

Claudio Volpe | Recensioni   20 Novembre 2019   3 min.

 

Cristina Stanescu, Kylie Brant, Patrizia Zappa Mulas, Victoria Shorr: quattro autrici di talento, pubblicate da SEM e che, pur nella diversità dei generi e della scrittura, sanno raccontare storie potenti e universali, coraggiose e meritevoli di attenzione.

 

 

In Quando le foglie ridono Cristina Stanescu racconta una storia ambientata a Milano, nel quartiere Lambrate. All’improvviso una vecchia casa esplode a causa di una fuga di gas. È una vera e propria strage. Durante il funerale una cronista incontra Milena e credendo che sia un’amica della vittima inizia a intervistarla. Ma Milena finisce per raccontare la propria storia, il passato, il presente e le aspettative per il futuro, le amicizie, l’incontro con Silvia, Roberta, Corrado e Salvatore e gli intrecci che le loro esistenze hanno creato. Un racconto che dura il tempo del funerale e sa sorprendere per l’incastro narrativo che è capace di creare mettendo a nudo la fragilità di una città e dei suoi abitanti.

 

 

 

 

 

 

Kylie Brant è autrice di più di quaranta opere e vincitrice di numerosi premi. Le sue opere sono pubblicate in ventinove paesi e Balla per me è il suo primo romanzo tradotto in Italia. Si tratta di un thriller che lascia col fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina per la capacità di unire storie separate nel tempo lungo la scia di un mistero e di un tragico accadimento che si ripete.

Anni addietro in una piccola cittadina dell’Ohio, infatti, la giovane Kesley Willard era scomparsa nel nulla lasciando una famiglia distrutta e strozzata dal proprio dolore. La madre cerca conforto nell’alcol e il padre si macera nei sensi di colpa. Sette anni dopo un’altra sparizione nella stessa cittadina. Questa volta a scomparire è Whitney DeVries, un’altra giovane ragazza. Questo nuovo evento sarà l’occasione per i genitori di Kesley di riaprire e riesaminare il proprio dolore e, allo stesso tempo, la misteriosa sorte che è toccata alla loro figlia. Un romanzo elettrizzante che vede alternarsi il punto di vista di cinque personaggi e cattura ad ogni parola.

 

 

Il talento della vittima. Patrizia Zappa Mulas scrive una storia ambientata a Gubbio durante la notte di Capodanno. Arriva una segnalazione al Comando dei carabinieri: è stato trovato un cadavere lungo la strada che conduce alla Piazza. È il cadavere di una ragazza bellissima di cui però nessuno conosce l’identità. Il capitano Agostino e il carabiniere Pizzetti iniziano le indagini che li condurrà alla scoperta di misteri antichi e recenti, attraverso la ricostruzione della vita della vittima e allo stesso tempo di una città. Cosa sono le Tavole Eugubine? In che lingua sono scritte? E cosa hanno a che fare con la sorte della ragazza nella cui casa viene trovata una lettera d’addio rivolta al Direttore, l’uomo politico più potente del territorio? Un thriller sorprendente che coniuga suspense e gusto per un sostrato narrativo intriso di storia e arte che conquista il lettore in pochi secondi.

 

 

 

 

In L’ora del destino Victoria Shor racconta tre donne soprendenti: Jane Austen, Mary Shelley e Giovanna D’Arco. L’opera si pone come una dettagliata analisi della vita e delle sfaccettature interiori di questi tre personaggi del panorama storico e letterario del passato. Tre donne diverse eppure accomunate da un grande coraggio.

Jane Austen, notissima autrice di veri e propri classici della letteratura mondiale, si ritrova a ricevere una proposta di matrimonio da parte di un uomo molto ricco ma che non ama. La donna deve scegliere tra la sicurezza economica e la propria libertà.

Mary Godwin a soli sedici anni inizia il suo viaggio d’amore e formazione per l’Europa. È la compagna di un vero fenomeno della letteratura, Percey Bysshe Shelley, e insieme a lui vivrà una vita libera e scandalosa, lontana da ogni convenzione sociale.

Giovanna D’Arco trascorre un anno in catene, nel buio di una cella. Vogliono che abiuri alla sua fede per salvarsi dal rogo. Ma lei è tenace e persiste nella sofferenza grazie al suo coraggio e alla forza della preghiera.

L'autore







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 7 =


 

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall’autore.

Se riscontri problemi con il sito web, contatta il webmaster.

redazione@ilraccoglitore.com

 

Ti piace scrivere?

il Raccoglitore è qui per raccogliere storie! Se vuoi inviarci la tua candidatura, scopri come fare.

Scrivi con noi

Newsletter

Seguici su

il Raccoglitore 1.0 © Copyright 2020 - martedì 25 Febbraio, 2020 23:12