• La Redazione | Chi siamo | Newsletter

    Il Raccoglitore è un contenitore di storie, di racconti e di buoni interessi. La narrazione, al centro del progetto, viene sperimentata non solo nell’ambito narrativo-letterario: i collaboratori di ogni rubrica si prefiggono di raccontare un qualcosa. Se quando siete insieme ad un/a amico/a vi viene voglia di chiedere “mi racconti una storia?”, siete nel posto giusto.

Vi racconto un Fuorisalone: tra onirico e realtà

Roberta Miani | DEgustibus, Design   9 Aprile 2019   6 min.

È iniziato il tanto atteso Fuorisalone 2019 che, come ogni anno, si svolge a Milano, capitale della moda e del design italiani. Mentre ci prepariamo e partecipiamo a questa Design Week, vogliamo però ripercorrere alcune tappe indimenticabili e degne di nota dell’anno passato, perché a noi piacciono le storie.

Argomento del Fuorisalone 2018 è stato House in Motion, promosso dalla rivista Interni: il tema dell’abitare è stato affrontato presentando e reinterpretando soluzioni legate alla sostenibilità, alla leggerezza, e soluzioni disponibili ad adattarsi alle esigenze del fruitore, giocando con l’archetipo della “casa” e reinventando il modo di viverla.

Non sono mancate installazioni in cui la poesia e lo stupore hanno fatto da padroni, mostrando come arte, design e innovazione vadano sempre di pari passo, ed esibendo la versatilità di questo importante appuntamento milanese.

 

 


FUTURE SPACE, PETER PICHIER, STATALE DI MILANO
 

Una struttura in legno costituita da 1600 elementi che si intrecciano tra loro, formando una geometria dall’aspetto leggero, benché solida, all’interno della quale si era portati a riflettere sullo spazio e sulla sua distribuzione, attraverso giochi di luci e ombre. Era un’opera legata al tema del futuro delle costruzioni abitative e alla sostenibilità del legno.

 

FUTURE SPACE, PETER PICHIER, STATALE DI MILANO

 

 SMARTOWN, ENI GAS E LUCE & HIVE – MARIO CUCCINELLA & SOS – ORTO BOTANICO BRERA

 

Un’installazione immersa nel suggestivo Orto botanico di Brera, composta da unità abitative che disegnavano una città immaginaria, volta alla presentazione di una futura gestione della casa, mediante l’uso della rete e senza sprechi di energia, simbolo della collaborazione dell’ente Italiano Eni, gestore di energia elettrica e della società Hive, rappresentante a livello globale della ricerca sulla domotica.

 

 


DINAMIC WALL, PIERLUIGI COLOMBO & CLEI, STATALE DI MILANO
 

Il tema della modularità e dell’adattabilità è emerso attraverso questa parete di circa 10×3.80 metri, dalle linee e dai colori essenziali ed eleganti che poteva trasformare in poche mosse uno spazio giorno in uno spazio notte con posti letto multipli.

 

 


SPACESHIP, RUBNER HAUSE & IED TORINO, PIAZZA CASTELLO, MILANO
 

Una vera e propria espressione di inventiva e tecnologie è stata rappresentata da questa incredibile costruzione, totalmente ecosostenibile. Una casa del futuro costruita in legno lamellare secondo le tecnologie più innovative della Rubner House studiate dagli studenti del master in “Smart Buildings and Sustainable Design” dello IED di Torino. All’interno l’abitazione era dotata di luce naturale che penetrava da un’ampia apertura frontale e da sistemi led per le zone più in ombra o notturne; di una parete verde in cui coltivare ortaggi e micro-alghe atte a soddisfare alimentazione, rinnovo cellulare e riciclo dell’aria mediante l’eliminazione di anidride carbonica.

La struttura era dotata anche di un sistema idrico di raccolta dell’acqua piovana e di una serra solare che raccoglieva energia (sostenendo elettricamente la struttura), convertita in calore all’occorrenza. (Archivio Fuorisalone)

 


LIMBO, FERRAGAMO PARFUMS & JACOPO FOGGINI, STATALE DI MILANO

 

La nuova fragranza della casa Ferragamo è stata rappresentata attraverso 30 metri di percorso in cui immergersi in una “nuvola sensoriale” di policarbonato rosa, avvolta su se stessa in intrecci sinuosi, mediante sette pannelli che accompagnavano all’interno di una “bolla” in cui dimenticare per un attimo la città e dove la vista davanti a noi sembrava offuscata, come fossimo in un sogno. (Luceweb)

 

 


REVERSE ROOM, FOSCARINI & JAMES WINE, SPAZIO BRERA
 

L’architetto James Wine e sua figlia hanno presentato un’installazione che rovesciava il tradizionale modo di produrre la luce, attraverso una stanza capovolta, dai profili monocromatici, in cui lampade da tavolo, con tradizionali lampadine a bulbo apparivano dal soffitto, mentre sistemi a sospensione si ergevano dal pavimento. L’emissione della luce non veniva più dalla lampadina ma dalla sua struttura e, rendendo la lampadina stessa nera, suggeriva la possibilità di una visione dello spazio e della sua realizzazione differente. (Foscarini)

 

 


FORMS OF MOVEMENT, NENDO & OKI SATO, SUPESTUDIOPIU’, VIA TORTONA 27

 

Come ogni anno lo studio della grande firma giapponese Nendo, con il suo gruppo capitanato dall’architetto Oki Sato, ha dato appuntamento nello spazio di Superstudiopiù in Tortona, incentrando la sua riflessione sul rapporto tra oggetto e fruitore in cui l’uno reagisce all’altro e viceversa. È nata così una serie di oggetti in cui clessidre misuravano il tempo in modi e direzioni diverse, quasi disegnando e facendo scorrere gli istanti più lentamente; portagioie che si aprivano a seconda del tocco; sedie che venivano reinterpretate in chiave di leggerezza mediante l’uso dei materiali: la morbidezza solitamente attribuita a cuscini è stata in questo caso stabilita sovrapponendo più fogli di materiale l’uno sull’altro, che ne conferivano anche resistenza; torce create arrotolando fogli di carta su cui sono stati stampati circuiti elettronici; tende che cambiavano al movimento laterale e orizzontale, sovvertendo l’idea di chiusura attraverso dei fiori che sbocciavano grazie ad un materiale a memoria di forma.

 

 


CRISTAL RAIN, TAKAHIRO MATSUI, SUPERSTUDIOPIU’, VIA TORTONA 27 

L’artista della luce Takahiro Matsui ha realizzato per l’azienda Kawai una installazione che ha visto protagonista il nuovo pianoforte posto all’interno di un’atmosfera di pura magia. Posizionato sull’acqua, sotto una pioggia di luce, in cui ogni goccia era attivata dal suono di una nota musicale creando uno spettacolo di luci e di melodia che lasciava lo spettatore incantato tanto quanto la bellezza della manifattura dello strumento stesso. (Archivio Fuorisalone)

 

 


BREATH OF LIGHT, PRECIOSA, MICHAEL VASKU & ANDREAS KLUG, LA POSTERIA, SPAZIO BRERA

 

Lampade di cristallo di boemia che invadono totalmente la stanza con assoluta leggerezza, sono state le protagoniste di questa installazione che si è aggiudicata il premio “best of the best” 2018. Una nuvola di luce che si attivava grazie al soffio all’interno di un apparecchio e che a seconda della sua intensità si diffondeva attraverso percorsi differenti; è stato possibile quindi interagire con la luce oppure mettersi comodi sul morbido pavimento sottostante e immergersi totalmente in un’inebriante esperienza quasi onirica. (Preciosa Lighting)

 

 


THE FLOW OF TIME, GRAND SEIKO, TRIENNALE DI MILANO
 

Installazione dedicata alla precisione dell’orologio Spring Drive, le cui componenti erano immerse in vasi di acrilico posti su piedistalli davanti ad uno schermo in cui scorrevano immagini della natura altamente suggestive. L’atmosfera silenziosa simboleggiava l’assenza di rumore delle lancette che determinavano lo scorrere del tempo con assoluta precisione e assorbivano totalmente il fruitore che era portato ad accomodarsi sul fondo della stanza e a “osservare” il tempo che fluiva.

Adesso siete più curiosi di scoprire le differenze e le novità di quest’anno?

 

 

 

L'autore







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + 3 =


 

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall’autore.

Se riscontri problemi con il sito web, contatta il webmaster.

redazione@ilraccoglitore.com

 

Ti piace scrivere?

il Raccoglitore è qui per raccogliere storie! Se vuoi inviarci la tua candidatura, scopri come fare.

Scrivi con noi

Newsletter

Social

il Raccoglitore 1.0 © Copyright 2019 - venerdì 19 Aprile, 2019 13:03