• La Redazione | Chi siamo | Newsletter

    Il Raccoglitore è un contenitore di storie, di racconti e di buoni interessi. La narrazione, al centro del progetto, viene sperimentata non solo nell’ambito narrativo-letterario: i collaboratori di ogni rubrica si prefiggono di raccontare un qualcosa. Se quando siete insieme ad un/a amico/a vi viene voglia di chiedere “mi racconti una storia?”, siete nel posto giusto.

“Due fiocchi di neve uguali” di Laura Calosso

Claudio Volpe | Recensioni   13 Febbraio 2019   2 min.

 

 

Genere: romanzo
Editore: SEM
Pagine: 251

 

L’autrice: Laura Calosso è scrittrice, giornalista e traduttrice. Ha pubblicato nel 1995 (con Laura Nosenzo) il libro “Tanaro il fiume amico-nemico. Miti, leggende, memorie d’acqua”; nel 2011 “A ogni costo, l’amore” (Mondadori); per SEM è uscito nel 2017 il romanzo “La stoffa delle donne” e a gennaio 2019 “Due fiocchi di neve uguali”.

Margherita e Carlo sono stati compagni di classe dalle elementari fino al quarto anno del liceo classico. Sono due adolescenti alle prese con la costruzione del proprio futuro e del proprio percorso esistenziale.

Margherita si diploma col massimo dei voti nonostante le difficoltà familiari e sogna di studiare medicina, obiettivo per il quale sta continuando a studiare in vista dei famigerati test di ammissione. Carlo è un ragazzo fuori dal coro, vittima di un collasso interiore ed esistenziale che lo conduce a rifiutare il mondo esterno e a rinchiudersi in se stesso e nella propria camera, dove si barrica decidendo di non uscire per nessuna ragione.

Vani sono i tentativi dei genitori di fare irruzione nella sua stanza, oltrepassando il confine segnato da quella porta serrata che ha al suo centro una piccola apertura attraverso la quale Carlo comunica con loro. Attraverso di essa sua madre gli passa il cibo, mentre lui le dà in cambio vestiti sporchi da lavare. Il fatto che la sua stanza sia collegata a un bagno personale costituisce poi il completamento perfetto a quella prigionia autoinflittasi perché permette a Carlo di poter fare a meno di uscire dalla stanza anche per i bisogni corporali. La clausura, l’incomunicabilità, il taglio del legame con la vita vera sono completi.

D’altronde né sua madre né suo padre sembrano essere in grado di reagire a tale assurda situazione, terrorizzati come sono dalle possibili reazioni di quello stranissimo e incomprensibile figlio.

Fino a quando qualcosa interviene a sconvolgere le loro vite.

Margherita ha un incidente stradale mentre è in macchina con un ragazzo incontrato per caso ed entra così in coma vegetativo. Da qui le storie di Carlo e Margherita prendono una nuova piega.

In “Due fiocchi di neve uguali” (SEM) Laura Calosso mette in scena un formidabile, intenso e visionario romanzo dove le vite dei due giovani ragazzi di oggi, con tutto il loro carico di aspettative, paure e desideri, si alternano sul palcoscenico dell’esistenza.

Particolarmente interessante è uno dei temi scelti dall’autrice, ossia la scelta di moltissimi ragazzi, anche italiani, di diventare “hikikomori”, cioè ragazzi che decidono di rinchiudersi in casa in una clausura totale, isolati dal resto del mondo. L’occhio profondo e poetico dell’autrice sa scolpire i dissidi interiori e le contraddizioni insite nell’animo umano, tanto più quelli di un ragazzo alle soglie di un’esistenza adulta.

Eppure la penna dell’autrice non giudica mai, né condanna, semmai assolve grazie alla capacità di calarsi nei personaggi per comprenderne moventi e comportamenti.

Lo stile immediato e allo stesso tempo poetico e plastico sa raccontare con verità e intensità costruendo una storia vera e avvincente, ben calibrata e suggestiva.

Una vera autrice, insomma, con un vero talento e al servizio della vera letteratura.

 

L'autore







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 5 =


 

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall’autore.

Se riscontri problemi con il sito web, contatta il webmaster.

redazione@ilraccoglitore.com

 

Ti piace scrivere?

il Raccoglitore è qui per raccogliere storie! Se vuoi inviarci la tua candidatura, scopri come fare.

Scrivi con noi

Newsletter

Seguici su

il Raccoglitore 1.0 © Copyright 2020 - martedì 25 Febbraio, 2020 23:28