• La Redazione | Chi siamo | Newsletter

    Il Raccoglitore è un contenitore di storie, di racconti e di buoni interessi. La narrazione, al centro del progetto, viene sperimentata non solo nell’ambito narrativo-letterario: i collaboratori di ogni rubrica si prefiggono di raccontare un qualcosa. Se quando siete insieme ad un/a amico/a vi viene voglia di chiedere “mi racconti una storia?”, siete nel posto giusto.

4 dicembre 1875. Nasceva Rainer Maria Rilke

ilRaccoglitore | Accade Oggi   4 Dicembre 2018   3 min.

 

Rainer Maria Rilke, nome completo René Karl Wilhelm Johann Josef Maria Rilke (Praga, 4 dicembre 1875 – Les Planches, 29 dicembre 1926), è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo austriaco di origine boema. È considerato uno dei più importanti poeti di lingua tedesca del XX secolo. Autore di opere sia in prosa che in poesia, è famoso soprattutto per le Elegie duinesi (iniziate durante un soggiorno a Duino), i Sonetti a OrfeoI quaderni di Malte Laurids Brigge.

Rilke si muove nella sua poesia in modo simile alle filosofie di Schopenhauer e soprattutto Nietzsche, verso una radicale rottura con la naturalezza del Cristianesimo occidentale da una parte, e con la ricerca di una spiegazione moderna e scientifica della verità dall’altra. L’influenza di Nietzsche lo porta ad un confronto-scontro con il classicismo. La biografia del giovane Rilke è caratterizzata dall’esperienza della mancanza di una patria. Appare così naturale che le sue prime poesie trattino in particolar modo questo tema. A queste appartengono osservazioni sulla sua città natale Praga, nel volume Larenopfer soprattutto, che uscì nel 1896. Tra le prime opere di Rilke si trovano le raccolte di poesie WegwartenTraumgekrönt e Advent. Con il volume Mir zur Feier (1897/89) Rilke si volge per la prima volta sistematicamente a considerazioni sul mondo interiore (spirituale) delle persone, che rappresenta il luogo di sé stesso all’esterno della patria che gli è mancata a lungo. La raccolta Dir zur Feier (1897/98) è l’unica dichiarazione d’amore all’adorata Lou Andreas-Salomé.

Il Breviario (Das Stundenbuch), composto di tre parti e apparso tra il 1899 e il 1903, rappresenta l’apice della prima produzione artistica di Rilke, e secondo lo stesso autore è espressione del suo diretto rapporto con Dio, che abbandona ogni collegamento tradizionale e tipico della Chiesa. Alcune espressioni estatiche mostrano le strutture che secondo l’autore ottengono la migliore musicalità e il più alto virtuosismo della lingua.

La filosofia di Nietzsche, mediata anche dall’amica intima Lou Andreas-Salomè, assume negli anni della Jahrhundertwende, a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, una notevole influenza su Rilke. Il radicale riconoscimento della realtà senza consolazioni da altre parti o sviluppi sociali romanticicaratterizza anche la visione del mondo dell’autore. Intense osservazioni della natura, dei comportamenti umani e delle vite affettive esemplificano quanto appena affermato. Tutto ciò contribuisce alla creazione del mondo interiore di Rilke, che supera la verità immanente.

Tra i lavori di Rilke della fase intermedia, compresa tra il 1910 e il 1912, i più importanti sono le Nuove Poesie (Neuen Gedichte) e il romanzo I quaderni di Malte Laurids Brigge (Die Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge). In queste opere Rilke focalizza l’attenzione sul mondo delle esperienze umane. In queste esperienze egli cerca di comprendere l’essenza delle cose. Da ciò nascono le Dinggedichte (come Blaue Hortensie e Der Panther), che mostrano il significato dell’oggetto dopo un’attenta osservazione e dopo questa indicazione creano una certa coscienza dell’oggetto nel lettore. La prospettiva dell’autore è introspettiva e soggettiva; Il paradigma positivista si frantuma: non esiste una realtà esterna già data misurabile, ma al contrario le cose, gli oggetti si colorano delle nostre esperienze, hanno un senso solo quando esprimono il significato che hanno per noi.

In questo modo la poesia di Rilke può esser definita simbolista. Una tale concezione del mondo, che Rilke chiama Hiersein, arriva ad un massimo di radicalità, che però non spaventa tale visione nemmeno con l’esperienza di miseria e morte. Ciò porta ad un espressionismo specifico nella prima parte delle Duineser Elegien, il cui stile patetico fa prevalere l’obiettività e una mancanza di fervore in questa nuova fase.

Questo stile viene completato da Rilke dopo la lunga pausa tra il 1912 e il 1922 (trascorsa al castello di Duino dei principi della Torre e Tasso, ora punto di approdo del sentiero a lui intitolato, il sentiero Rilke), con il completamento delle Duineser Elegien e dei Sonetten an Orpheus. Le ultime poesie sono l’apoteosi dei sensi e della realtà, la quale può esser compresa da chi ama e da chi è defunto in giovane età in una pura interiorità.

 

Fonte:
Wikipedia

 

L'autore







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 8 =


 

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall’autore.

Se riscontri problemi con il sito web, contatta il webmaster.

redazione@ilraccoglitore.com

 

Ti piace scrivere?

il Raccoglitore è qui per raccogliere storie! Se vuoi inviarci la tua candidatura, scopri come fare.

Scrivi con noi

Newsletter

Seguici su

il Raccoglitore 1.0 © Copyright 2021 - martedì 26 Gennaio, 2021 15:39