• La Redazione | Chi siamo | Newsletter

    Il Raccoglitore è un contenitore di storie, di racconti e di buoni interessi. La narrazione, al centro del progetto, viene sperimentata non solo nell’ambito narrativo-letterario: i collaboratori di ogni rubrica si prefiggono di raccontare un qualcosa. Se quando siete insieme ad un/a amico/a vi viene voglia di chiedere “mi racconti una storia?”, siete nel posto giusto.

Quelli che… si nascondono dietro a un dito

Quelli che... - Giovanna Adelaide Busacca - quella che non sa tacere

Quelli che... - Giovanna Adelaide Busacca - quella che non sa tacere

Toccava a lei!?

Sì, era il suo turno!

Si ritrovava spesso così: colta alla sprovvista nel bel mezzo di un evento conosciuto.

Aveva desiderato partecipare a quel corso con tutta se stessa, al punto da vincere persino le remore più oggettive, quelle che le ricordavano di non poterselo permettere!

Voleva mettersi in gioco, chiudere con i sogni e provare l’ebbrezza del fare. Avrebbe pagato; da qualche parte i soldi li avrebbe trovati. Talvolta bisogna buttarsi ignorando la ragione, per il semplice piacere di viverla, la vita, finché si possiedono desideri ed energie per soddisfarli!

Si trattava di un corso di teatro e detto così risulta estremamente riduttivo rispetto all’esperienza grandiosa in cui per mesi si immerse.

Quella sera, in quel momento, toccava a lei! Toccava a lei improvvisare, toccava a lei esser vista, mostrarsi… d’istinto chiuse gli occhi e il regista subito la riprese: «No, non puoi chiudere gli occhi! Se vuoi essere davvero qui, devi tenere gli occhi aperti! Con gli occhi chiusi ti isoli nel tuo mondo e perdi il contatto con gli altri!».

Vero! Non si può prescindere da nulla; se si vuole esserci davvero, è necessario partecipare con il corredo completo: vista tatto udito gusto olfatto!

Quindi, perché la vista no? Riflettendoci fu colta da un pensiero. Ci mise un po’ a farlo suo, a racchiuderlo nelle parole; le pareva sciocco, certo era infantile, eppure…

I bambini piccoli son convinti di potersi davvero nascondere dietro un dito, poiché il ditino alzato davanti ai loro occhi ne oscura lo sguardo, e se non vedono oltre, non verranno visti!

In ciascuno, che se ne sia coscienti o meno, si agitano ancora, a qualunque età, numerosi pensieri fatati, nati nell’infanzia e poi sedimentati; taluni possono – coadiuvati da coloro che ci han ruotato intorno – aver dato origine a parti importanti dei nostri personali copioni.

Per molta parte della sua vita aveva desiderato non esser vista. Quanti anni aveva trascorso tentando di mimetizzarsi con muri, pavimenti, banchi!?

Poi era arrivato quel momento, ancora avvolto nel mistero. Lo chiamava momento perché da sempre non riusciva a cogliere il passaggio; non sapeva trovare gli estremi di quel cambiamento, come se si fosse davvero addormentata in un modo e svegliata in un altro; come fosse una moneta per anni poggiata su una faccia e d’improvviso voltata sull’altra: prima testa e poi croce, o viceversa!

Da quel momento esser vista notata rilevata considerata aveva assunto importanza prioritaria, eppure… esser guardata davvero restava uno dei suoi timori più grandi.

Si mostrava sì, ma l’esser giudicata, valutata, rappresentava il mostro dei suoi incubi peggiori.

Finché un altro momento non era giunto a crear nuovo scompiglio.

Ora sapeva, ora sì, che i momenti son lenti passaggi, così lenti da passar quasi inosservati, così lenti da apparire istanti, come i ventiquattro fotogrammi che insieme danno vita a un secondo di pellicola cinematografica! Di ventiquattro frame lo spettatore non ne vede uno eppure insieme li vede tutti!

Questo è talvolta il cambiamento: un repentino e lentissimo passaggio di stato!

Del nuovo momento stava prendendo coscienza aprendo gli occhi, accettando di vedere di essere vista!

Adesso desiderava la pienezza dei suoi cinque sensi e la consapevolezza di ogni suo respiro!

 

Tags:

L'autore







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 9 =


 

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall’autore.

Se riscontri problemi con il sito web, contatta il webmaster.

redazione@ilraccoglitore.com

 

Ti piace scrivere?

il Raccoglitore è qui per raccogliere storie! Se vuoi inviarci la tua candidatura, scopri come fare.

Scrivi con noi

Newsletter

Seguici su

il Raccoglitore 1.0 © Copyright 2021 - martedì 26 Gennaio, 2021 16:29